Bivona

Uscendo dalla gola del lago di Piano del Leone appare la verde e suggestiva vallata del fiume Magazzolo, sul cui versante destro si erge la città di Bivona, adagiata tra il lago Castello e il picco roccioso dalla Montagna delle Rose, a poche decine di chilometri dal Mar Mediterraneo. È una storia antica quella di Bivona che affonda le sue radici nell’età del rame ed inoltre sono documentati insediamenti greci, romani e medievali. Il primo documento storico che riguarda Bivona risale al 1160, al tempo di re Ruggero II e dei suoi successori Guglielmo I e Guglielmo II. In tale periodo era un semplice casale abitato da popolazione musulmana che lasciò tracce evidenti nella fonetica, nel dialetto (hanèa) e nella toponomastica locale (Giddia, Karnicola, Mailla, Canfuto). Il nome Bivona nella forma arcaica di “Bisbona” è attestato nel 1363 e nel Cinquecento fu considerata forma colta derivante da bis bona (“due volte buona”): «Bisbona quoque vulgo Bivona dicitur».

 

Divenuta nella seconda metà del secolo XII uno dei principali abitati della Sicilia centro-meridionale, Bivona fu infeudata alla fine del Duecento. Risalgono a tale periodo l’antica Chiesa Madre, dal magnifico Portale gotico-chiaramontano, e il castello, che venne ricostruito nel 1359 dall’ammiraglio Corrado Doria. Bivona fu tra il Quattrocento e il Cinquecento uno dei maggiori centri feudali della Sicilia e il primo a essere elevato a ducato a opera di Carlo V, nel 1554, anno in cui lo stesso imperatore conferì al paese il titolo di Città. Vi è attestato uno dei culti più antichi di Santa Rosalia, Patrona della Città e celebrata con riti sacri e antiche tradizioni ogni 4 settembre.

 

Bivona possiede un’economia prevalentemente agricola ed è nota per la coltivazione della rinomata Pescabivona IGP, conosciuta in tutta Italia anche grazie alla sagra omonima che si svolge tutti gli anni ad agosto. Bivona è immersa tra boschi di roverelle e pinete, ruscelli e praterie; la fauna, in particolare l’avifauna, è ricca ed interessante, tipica dell’entroterra collinare mediterraneo. Notevole è la tradizione legata alla raccolta e all’utilizzo delle erbe aromatiche. Bivona vanta un’antica e particolare tradizione gastronomica di chiara impronta araba. L’atmosfera che si respira tra le vie e le piazze dell’antico borgo medievale è piena di mistero, di antiche tradizioni siciliane, della semplicità e naturalezza che solo un diretto contatto con la natura e con gli animali sono in grado di suscitare.

Nessun evento trovato!
Ultime News