Sant’Angelo Muxaro

Le origini di questo paese rimangono indefinite. Un importante villaggio di età del ferro sorse intorno al XIII secolo a.C. da popolazioni indigene, identificate con i Sicani. Tale villaggio costituisce in archeologia un valido fossile guida cronologico per la produzione locale dalla crisi della prima società autoctona (XIII secolo a.C.) al rapporto con i primi coloni greci durante la grande stagione delle apoikiai nel corso dell’VIIIVII secolo a.C., tale da costituire per determinati autori una facies a sé stante.

Fu fortilizio sicuro e luogo di difesa del territorio durante il periodo arabo. Durante gli anni della dominazione araba della Sicilia venne assegnato al castello difensivo il nome di Qalat’ al Musharia; nome che segnò per sempre la storia di queste terre sia dopo la conquista normanna fino ai giorni nostri.

Attorno al 1506 fu favorita la colonizzazione di profughi albanesi, che caratterizzò per diversi anni la vita del paese, emigrati in queste terre a seguito dell’invasione turca dei Balcani sul finire del XV secolo. Nel 1507 avvenne la fondazione ufficiale grazie alla concessione della Licentia Populandi da parte del Re Ferdinandi il Cattolico al Barone Giosuè II De Marinis.

Nel 1600, la baronia venne acquisita dai Principi di Castelvetrano, D’Aragona e Tagliavia e infine passò sotto la giurisdizione del Pignatelli, Duchi di Monteleone, che la conservarono sino al 1812, quando in Sicilia la feudalità venne soppressa.

Nessun evento trovato!
Ultime News